L’industria israeliana dei droni raggiunge nuove vette e affronta nuove sfide

L’industria israeliana dei droni raggiunge nuove vette e affronta nuove sfide

Mentre i governi di tutto il mondo intensificano i loro sforzi per combattere la pandemia globale di coronavirus, i funzionari e gli operatori sanitari si stanno rivolgendo a un’ampia gamma di tecnologie. Come ad esempio: analisi dei big data, telemedicina e persino droni. Sia per il rilevamento di aree colpite, la consegna di campioni medici sia il monitoraggio e la protezione delle colture, i veicoli aerei senza equipaggio (UAV) svolgeranno un ruolo fondamentale nella risposta globale alla pandemia.

Con 50 compagnie e startup di droni, Israele è il fulcro dell’innovazione. Il paese ha iniziato a lavorare per lo sviluppo veicoli aerei senza equipaggio (UAV), nel 1962, a fini di difesa. Israele è il principale esportatore mondiale di droni. Inoltre, l’ecosistema drone-tecnologico del paese ha portato le aziende israeliane a soddisfare il previsto aumento della domanda di tecnologia dei droni in un’ampia gamma di casi d’uso.

Business Insider Intelligence prevede che il mercato dei servizi in questo settore salirà da $ 4,4 miliardi nel 2018 a $ 63,6 miliardi entro il 2025. A guidare la crescita del mercato sarà un maggiore utilizzo di droni in numerosi settori civili. Ad esempio, l’agricoltura li impiegherà per monitorare colture e bestiame. Inoltre, il settore edile li utilizzerà per eseguire ispezioni di sicurezza in aree difficili o pericolose da raggiungere. Infine, gli assicuratori si rivolgeranno ai droni per rilevare danni e raccogliere dati per l’elaborazione dei sinistri.

I droni stanno persino iniziando a essere distribuiti per consegne di cibo su richiesta. Per esempio in Islanda, dove la compagnia israeliana di droni Flytrex ha iniziato a collaborare con la città nel 2017. L’azienda inizierà le consegne di cibo a Holly Springs, North Carolina quest’anno , dopo aver ottenuto l’approvazione della Federal Aviation Administration.

Flytrex non è l’unica compagnia israeliana che ridisegna i cieli dell’innovazione:

Edgybees supporta i professionisti della pubblica sicurezza, utlizzando droni equipaggiati con telecamere dotate di realtà aumentata. La tecnologia della società è stata utilizzata dai soccorritori durante i recenti incendi in Australia e California.

Percepto sviluppa droni autonomi per il monitoraggio e la sorveglianza delle risorse nei settori dell’energia, delle miniere, del petrolio e del gas, dei porti e del solare. Fondata nel 2014, la società ha uffici in Israele, negli Stati Uniti e in Australia. Tra i suoi clienti vi sono la società elettrica italiana ENEL e la Johnson Controls con sede negli Stati Uniti.

Israele è dunque ben posizionata per continuare la sua leadership nell’innovazione dei droni in un momento in cui il mondo ne ha maggiormente bisogno.