L’israeliana Mobileye collabora con BMW e Intel

La società israeliana Mobileye stringe un accordo di partnership nella ricerca e sviluppo con BMW e Intel per la progettazione della prima auto al mondo a guida completamente autonoma, che porterà il nome di BMW iNext.

Il progetto punta ad una nuova frontiera dell’innovazione automobilistica. Sono già presenti sul mercato da diversi anni automobili in grado di parcheggiare senza l’ausilio del guidatore e di mantenere velocità e direzione costante in autostrada, ma questo progetto punta a qualcosa di più: sviluppare auto in grado di guidare in modo completamente autonomo nel traffico cittadino entro il 2021. Si tratta di un’invenzione fino ad oggi inimmaginabile e quasi fantascientifica, che potrebbe ora diventare realistica grazie agli sforzi congiunti delle tre società partner.

BMW si impegnerà a fornire il supporto tecnico, le automobili per i test e le competenze nel settore automotive mentre Intel contribuirà allo sviluppo degli algoritmi e dei microprocessori per il funzionamento dell’auto e della centralina. Mobileye metterà a disposizione il suo nuovo sistema EyeQ®5 per il monitoraggio della strada e dell’ambiente circostante con una singola telecamera, e la soluzione Mobileye Road Experience Management (REM) per la localizzazione del veicolo in tempo reale nella mappa stradale.

Mobileye è una realtà israeliana che si sta facendo strada molto rapidamente nel mercato mondiale grazie alle proprie soluzioni di alta qualità e tecnologia. La società recentemente è stata collocata in sesta posizione nella classifica “World’s 50 smartest companies” di MIT Technology Review‘s, reggendo il confronto con colossi mondiali come Amazon e Tesla Motors.

Oltre alla collaborazione nella ricerca e sviluppo con le case automobilistiche e con i TIER1 , Mobileye offre anche una linea di prodotti acquistabili e installabili su qualsiasi automobile, come navigatori satellitari o i sistemi anti-incidente della Series 5 e Shield + , che permettono di ricevere avvertimenti audiovisivi sullo smartphone tramite connessione bluetooth per prevenire incidenti con macchine o pedoni.

La forza di Mobileye è stata confermata anche dai mercati finanziari: nell’Agosto 2014 la società ha raggiunto 890 Milioni di Dollari con la propria IPO (Initial Public Offer), che è stata gestita dai colossi bancari mondiali Goldman Sachs e Morgan Stanley. E’ stata l’offerta pubblica israeliana nelle borse USA che ha raggiunto la cifra più alta di sempre.

Le azioni di Mobileye sono contrattabili nel NYSE (New York Stock Exchange) sotto la denominazione MBLY.

Una dimostrazione delle tecnologie della società è visionabile nel seguente video: