Quattro start up israeliane in finale al Global Tourism Innovation Contest

Quattro start up israeliane in finale al Global Tourism Innovation Contest

La start-up vincitrice progetterà un progetto pilota con Globalia e i suoi marchi principali, tra cui AirEuropa, Be Live e Travelplan.

Questo grande traguardo rappresenta un altro passo in avanti per il settore del turismo in Israele!

La competizione

Ci sono quattro start up israeliane tra le dieci finaliste del Global Tourism Innovation Contest. La competizione è organizzata dall’agenzia per il turismo delle Nazioni Unite (UNWTO). Le quattro start up sono state selezione tra le oltre 3000 richieste arrivate da 132 paesi.

La competizione, organizzata con la collaborazione della più grande società turistica spagnola Globalia, mira a identificare le start-up più innovative di tutti i 158 stati membri UNWTO che guideranno la futura trasformazione del settore turistico.

Le quattro start up finaliste:

Refundit, la start-up per il rimborso delle tasse con sede a Tel Aviv. L’azienda, co-fondata da Uri Levine e Ziv Tirosh, consente agli utenti, tramite una semplice applicazione, di presentare facilmente richieste di rimborso dell’IVA prima di arrivare all’aeroporto e senza fermarsi alla dogana.

Pruvo è una start up di ottimizzazione delle prenotazioni alberghiere con sede a Haifa. Per esempio, l’azienda fornisce un servizio online automatico che prende le prenotazioni alberghiere esistenti da siti web, hotel e agenzie di viaggio e tiene traccia dei loro prezzi, avvisando gli utenti in caso trovi un’offerta migliore per la stessa prenotazione.

SeeVoov offre un’applicazione di pianificazione del viaggio. Attraverso video interattivi basati sull’intelligenza artificiale il machine learning. Infatti, una volta che gli utenti selezionano i loro punti di interesse, la piattaforma pianifica il percorso migliore per il loro viaggio e consente loro di effettuare prenotazioni.

Howazit, con sede a Herzliya, è una piattaforma di comunicazione intelligente per i clienti end-to-end. In particolare, la piattaforma consente alle aziende di comunicare meglio con i clienti, in questo caso i turisti, per migliorare soddisfazione, lealtà, coinvolgimento e vendite.